Il Pollino

Tutte le meraviglie del Parco da scoprire

Con i suoi 192 mila ettari, il Parco Nazionale del Pollino è l’area protetta più grande d’Italia.
Si estende tra il sud della Basilicata e il nord della Calabria e in esso è inserito il gruppo montuoso del Pollino, il più elevato dell’Appennino Meridionale. Il versante lucano del Parco è suddiviso in quattro vallate principali: la Valle del Mercure, la Valle del Frido, la Valle del Sarmento e la Valle del Sinni. Appartengono al territorio calabrese la Valle del Raganello e la Valle del Coscile. Il Parco offre una moltitudine di paesaggi incantevoli, con grandi aree incontaminate e differenti a seconda dell’altitudine.

Il Parco è consigliato a chi ama il trekking e l’escursionismo, a chi ama il contatto diretto con la natura più incontaminata e selvaggia, a chi ama l’alpinismo e il rafting, agli amanti del torrentismo più estremo e a tutti coloro che hanno voglia di scoprire un territorio solitario e silenzioso rotto solo dal vento che si infrange tra le foglie degli alberi, o gustare sapori e sensazioni ormai dimenticate.

Pollino un’esperienza che non dimenticherete

Ritroverete il piacere dell’abbraccio della natura selvaggia ed incontaminata, scoprirete la cultura antica della popolazione locale, gentile e discreta, il gusto dei sapori veri.

Sulle cime dei monti volgendo lo sguardo sia ad est l’orizzonte è il mar Jonio,ad ovest il mar Tirreno. Il Parco Nazionale del Pollino è uno scrigno che custodisce dei veri e propri tesori della biodiversità. Sulle vette più alte potrete vedere il sia il Pino Loricato, che cresce solitario sulle pareti più impervie, sia in volo i rarissimi esemplari di aquila reale.

Un parco punteggiato da 56 comuni, di cui 24 in Basilicata

Questi tipici paesi sono abitati da contadini, pastori, artigiani e da minoranze etniche quali gli albanesi che hanno custodito gelosamente le loro tradizioni, la loro lingua e i loro costumi. Più in alto spettacolari vallate di alta quota, immense foresti verdeggianti di faggio, di castagno, di cerro coperti di muschio, di funghi, di erbe aromatiche e popolate dal lupo appenninico, dal capriolo, dall’aquila reale, dal gufo nero, dal corvo imperiale.

Ancora più in alto nelle solitarie vette maestose trovano rifugio, oltre che nei Balcani, magnifici esemplari di Pino Loricato. Albero imponente ed elegante, di straordinaria bellezza, propaggine dell’ultima glaciazione deve il suo nome alla struttura della corteccia che ricorda vagamente le loriche, piastre metalliche delle antiche corazze romane.

Dai profili contorti, a causa del peso della neve e dei forti venti a cui è sottoposto, il Pino Loricato simbolo del Parco, può essere considerato per la sua rarità quasi un “monumento”, anche dopo la morte il suo tronco perdendo la corteccia resta lì in piedi per anni a guardia del territorio circostante.

Tra tutti questi luoghi nascono sorgenti di acqua limpida e pura che scende a valle a riempire le numerose gole di cui il Parco è ricco quelle del Raganello, del Lao, i fiumi Frido, Peschiera, Argentino solo per citarne alcuni. Durante il loro tragitto verso valle, nel corso dei millenni, hanno colmato grandi pianure trasportando detriti, hanno modellato scolpendo le cime montuose o scavato ampie pianure e spettagolari gole.

Le prime testimonianze di frequentazione dell’area del Pollino sono documentate nelle grotte di Latronico che hanno restituito reperti a partire dal Mesolitico fino all’età del Ferro.

Altre testimonianze della presenza dell’uomo preistorico sono le eccezionali incisioni graffite sulla roccia nella Grotta del Romito, nei pressi di Papasidero in Calabria, raffiguranti il bos primigenius.

Un’altra peculiarità del territorio e quindi un’altra esperienza per i visitatori è quella dei prodotti tipici del Pollino, resi autentici e genuini dal processo di lavorazione secondo antiche tradizioni, dal peperone di Senise, alla melanzana rossa di Rotonda, dal miele alle marmellate, dai salumi prodotti con carne di primissima scelta ai prodotti lattiero-caseari fatti con latte di pecore e capre allevate allo stato brado che si cibano delle erbe spontanee dei pascoli.

Le nostre esperienze sul Pollino

trekking

river tubing

funghi e castagne

acquatrekking

ciaspolate

campi scuola

rafting

mountain bike

contatti

Via Fiumara, 1 - Viggianello (PZ)

Nei Pini Loricati la storia dei cambiamenti climatici

NewTuscia – VITERBO – Una ricerca, finanziata dal Parco del Pollino e coordinata dal Prof. Gianluca Piovesan del dipartimento di eccellenza Dafne – Università della Tuscia, in corso di stampa sulla rivista Anthropocene, ha descritto la storia ecologica degli iconici...

Nuovo sito online

Ci siamo! Nei prossimi giorni sapete dove trovarci! Scoprite subito le nostre esperienze e contattateci per prenotare la vostra avventura sul Pollino.

link utili

chi siamo

esperienze

mangiare e dormire